STREGONERIA PAGANA

 

 

Il cammino nella vita è come il cammino nella foresta. Per procedere ci si deve aprire un varco fra ciò che esiste.

Capitoli del settimo volume della Teoria della filosofia aperta

Come fu inventato il Dio dei cristiani
La Stregoneria e il Dio dei cristiani
Prima riflessione

di Claudio Simeoni

 

Dio prima della creazione
Prima riflessione

L'invenzione del Dio cristiano, come viene recitato nel catechismo da bambini e adulti, è stata un'elaborazione teologica spinta dalla necessità dei cristiani di distinguersi sia da interpretazioni su Dio di altri cristiani, sia dettata dalla necessità di separare il loro modo di pensare Dio dagli ebrei, dai neoplatonici e dai greci in generale.

Il principio adottato dai cristiani è semplice: due entità religiose, anche se fanno riferimento a Gesù, non possono essere ugualmente vere, ma una deve essere vera e l'altra falsa.

Tutti i cristiani concordano sul fatto che Dio ha creato il mondo, ma c'era il loro Dio prima della creazione? Come e perché ha creato il mondo?

Mentre per i Pagani gli Dèi nascono e divengono, il Dio dei cristiani non nasce né diviene è perfetto e immutabile e sempre sarà.

La Stregoneria afferma che gli Dèi nascono e sono, come ogni essere, materia-energia che diventa cosciente di sé esprimendo necessità e volontà d'esistenza. Esattamente come ogni altro Essere della Natura e dell'universo. In queste condizioni di pensiero, l'Essere Umano può esercitare l'arte della Stregoneria perché nascere significa iniziare un cammino di trasformazione soggettiva al di là di ciò che era prima di ciò che noi pensiamo come nascita.

A questo concetto, proprio del Mito, i cristiani dovevano separarsi ideologicamente.

Scrive Antonio Orbe in Teologia dei secoli II e III:

Non tutti gli ecclesiastici affermano ciò che sostengono Ippolito e Tertulliano: la coesistenza in Dio, nella sua solitudine sostanziale, dell'Intelletto, della Dynamis, della Volontà e di altre perfezioni non personali, indistinte in una sostanza unica e indefinibile.

E' quanto accade in S. Ireneo. Per reagire contro gli gnostici, tendenti a moltiplicare eoni, rende estrema la semplicità di Dio. Giudica la distinzione, per esempio, tra Dio e il suo Intelletto, che predispone alla successiva tra l'Intelletto e la sua sapienza (Verbo interno), come eccessivamente umana. In maniera analoga valuta il passaggio dal silenzio ab aeterno di Dio alla sua elocuzione futura. Tutto ciò, afferma, si realizza nell'uomo che è composto, ma non in Dio, semplicissimo.

Ireneo chiude l'accesso all'intimità di Dio. Si rifiuta di indagare sull'attività divina precedente la creazione del mondo, anche se ritiene che "prima di tutta la creazione il Verbo glorificava il Padre, rimanendo in lui, ed era glorificato dal Padre, come dice egli stesso (Gv 17, 5): "Padre, glorifica me con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse" (Adv. haer. IV 14, 1).

Antonio Orbe, La teologia dei secoli II e III, Editore Piemma Theologica, 1996, Pag. 54

La prima cosa che notiamo è la "semplificazione" del concetto di Dio ottenuto mediante l'applicazione degli aggettivi assoluti dove le perfezioni, attribuite a Dio, sono i desideri dell'uomo e, nello stesso tempo, viene sottratta all'uomo la possibilità di analisi di Dio che è semplicissimo. Dio, l'assoluto si conchiude nella parola e non esistono dei perché atti a significare quella parola.

Questa elaborazione del concetto di Dio è opposta al concetto del Dio della bibbia adottata dagli ebrei:

Scrive Mircea Eliade:

"Yahweh viene spesso descritto come "qadosh", termine che indica le divinità in ugaritico e in fenicio. Comunemente tradotto come "santo", il suo significato essenziale è "separato". Dio, in tal modo, non risulta separato dal tempo, dallo spazio o da categorie morali ed etiche. Tuttavia, poiché Dio è garante della giustizia, la sua divina giustizia potrebbe essere messa in discussione e perfino negata."

Mircea Eliade, Dizionario dell'ebraismo, voce "Dio", Editore Jaca Book, 2020, pag. 125

Il Dio degli ebrei non è sempre stato e sempre sarà e, inoltre, non è semplice. E' un Dio pieno di emozioni, un Dio rancoroso, violento e criminale. Un Dio privo di etica e privo di dirittura morale. Per il Dio degli ebrei l'uomo è il suo bestiame che deve onorarlo e se non lo fa, con tuttoil suo cuore e con tutta la sua anima, lo macella.

Continua Mircea Eliade:

"La singolarità della descrizione di Yahweh è che a scatenare la gelosia (qinn'ab) è per lo più il culto di altri Dèi. Gelosia che talvolta si risolve in castigo incontrollato, altre volte in rigida giustizia punitiva che meglio si definirebbe "zelo"; altre volte sarebbero più adatti "passione" o "ardore"."

Mircea Eliade, Dizionario dell'ebraismo, voce "Dio", Editore Jaca Book, 2020, pag. 125

Ireneo si incontra col "Dio persona" degli ebrei fatto proprio dai cristiani, ma deve aggiungere ciò che agli ebrei non interessava: l'esistenza di Dio prima della creazione.

Lo stesso vale per Tertulliano e Lattanzio i quali devono spiegare come Dio viveva prima della creazione e perché si decise a creare.

Scrive Antonio Orbe in Telogia dei secoli II e III:

Tertulliano e Ippolito, conoscitori della dottrina valentiniana degli eoni, non temono di compromettere la semplicità e la solitudine di Dio: l'uno (Tertulliano) gli attribuirà, come materia divina coeterna, la Sapienza o l'Intelletto, da cui procederà l'universo creato; l'altro (Ippolito) gli assegnerà, come forme operanti, il Logos, Sophia, Dynamis e Volontà, rivolte ab aeterno verso l'interno, capaci però di operare ad extra, unendo lo stadio della solitudine con quello della creazione positiva.

[NOTA: Dynamis Personificazione della Forza, del Potere creatore; nella filosofia stoica si riferisce alla forza di carattere.]

Antonio Orbe, La teologia dei secoli II e III, Editore Piemma Theologica, 1996, Pag. 54

La semplicità di Dio è la dose di eroina da spacciare alle persone, ma quando le persone chiedono agli spacciatori con che cosa è stata tagliata quella dose di eroina, gli spacciatori affermano che la dose di eroina Dio è stata tagliata con "la Sapienza o l'Intelletto" e l'altro spacciatore con "il Logos, Sophia, Dynamis e Volontà".

In sostanza, la sapienza, l'intelletto, il logos, sophia, dynamis e volontà, non sono manifestazioni di Dio in quanto soggetto che le manifesta, ma sono oggetti, forme esterne, che vengono assegnate al soggetto chiamato Dio. Se queste cose sono assegnate e possono essere descritte separatamente da Dio, Dio non è sophia, logos, dynamis e volontà, ma si può ipotizzare che la creazione sia avvenuta quando queste peculiarità hanno iniziato ad abitare Dio.

Per costoro Dio appare come il motore immoto di Aristotele che, ad un certo momento, viene abitato da sapienza, intelletto, logos sophia dynamis e volontà, Da quel momento il motore immoto si mette in moto e crea. Dunque, Dio non era fintanto che non fu abitato da altri diversi da Dio.

Scrive la Genesi:

In principio Dio creò il cielo e la terra.┬áLa terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.

Genesi 1, 1-2

In questa sintesi non si spiega Dio, ma, soprattutto non si precisa se il principio è il principio di Dio o se è il momento in cui Dio crea. Inoltre, non si dice se lo spirito appartiene a Dio o se lo spirito è Dio.

Dio, prima della creazione, per la bibbia, non era. Divenne Dio nel momento in cui crea e, in quel momento, diventa "il padrone del creato e ne può disporre a piacimento".

Scrive Antonio Orbe in Teologia dei secoli II e III:

In fondo, tutti quanti - Tertulliano e Ippolito, tra gli ecclesiastici, e i valentiniani -, insegnano due cose: 1) l'unicità e la solitudine eterna di Dio, in natura e dynamis, in opposizione alla coeternità con la materia o altro principio o natura diversa; 2) la coesistenza eterna di Dio, in natura e dynamis, con l'Intelletto, la Sapienza, il Logos, la Volontà propri.
La prima esclude ciò che è diverso dalla coeternità con Dio. La seconda include la pluralità dinamica in Lui.

Pur essendo oppositori accaniti, ammettono, da una parte, il Deus unus o Deus (ab aeterno) solus e, dall'altra, espressioni come Deus / Sensus, Deus / Ratio, Deus / Sophia, sempre ab aeterno; e altre ancora come Deus / Sensus / Verbum/Voluntas, esse pure ab aeterno ... non compromettenti la solitudine e la semplicità né il regime di assoluto silenzio e quiete in cui da sempre vive.

Antonio Orbe, La teologia dei secoli II e III, Editore Piemma Theologica, 1996, Pag. 55

Prima della creazione, secondo la bibbia, c'è il "vuoto di Dio". Dio non esistere. Non può esistere perché nessuna azione è attribuibile a Dio.

La guerra teologica che fanno i cristiani con Tertulliano e Lattanzio è 1) non esiste contemporaneità di Dio con la materia prima della creazione di Dio; 2) Esiste contemporaneità di Dio con la natura, la materia, dopo la creazione mediante l'azione di Dio attraverso l'intelletto di Dio, la sapienza di Dio, il logos di Dio e la volontà di Dio.

Queste idee sono antitetiche alle idee pagane in cui gli Dèi nascono dalla materia-energia. Sono una manifestazione della materia-energia e non sono i creatori della materia-energia. E' la materia energia che si fa corpo, coscienza, e usa la propria volontà per far persistere sé stessa e costruire condizioni affinché altre coscienze possano nascere.

Fine Prima Parte - continua

Continua nella seconda riflessione...

 

L'invenzione del Dio dei cristiani

 

capitoli del settimo volume della Teoria della filosofia aperta

 

L'invenzione del Dio dei cristiani [indice dell'argomento teologico]

 

 

Le tre riflessioni sullo Stato Mafia

 

La Stregoneria

Noi siamo coloro che vivono nell'oscura magia
che la ragione non vede oltre la soglia della morte.

Viviamo in mari di nebbia
composta dalle emozioni degli uomini
dove le azioni sono oggetti che rotolano
dalla montagna della vita
e si depositano nel presente circondandoci

Parlare di Stregoneria

Pensare la società da Stregoni e riflettere

La Stregoneria riflette sulla filosofia - i 7 volumi della Teoria della filosofia aperta

 

I libri pubblicati in cartaceo

 

 

L'Intento che emerse all'inizio del tempo ci guida fra i marosi della vita.

Ogni Dio, davanti al quale vi metterete in ginocchio, si nutrirà delle vostre passioni. Gioirà del vostro fallimento esistenziale.

Come un padrone si nutre del tempo di vita dei suoi sottoposti, così il Dio padrone cristiano, ebreo, musulmano e buddista, si nutre della disperazione che impone agli uomini attraverso la rinuncia al desiderio e al piacere.

 

 

I libri pubblicati da Claudio Simeoni

 

Cuociamo come verdure
nella padella della vita,
a noi non spettò la decisione di nascere,
ma attraverso le scelte di vita
scegliemmo come morire
per accedere all'eternità.

 

 

La Stregoneria Pagana è la via alla Conoscenza della Religione Pagana.

La Religione Pagana viene definita dalla Federazione Pagana che, attraverso la Stregoneria, descrive il cammino che trasforma l'uomo in un DIO fra Dèi.

La Federazione Pagana è l'unica associazione religiosa pagana italiana il cui scopo è la definizione della Religione Pagana attraverso la Stregoneria.

Chi pratica una "stregoneria diversa" pratica SOLO superstizione cristiana.

 

Va all'indice della Conferenza di fondazione Religione Pagana

 

La stregoneria davanti alla vita

 

Stregoneria Pagana
navigare nel sito

L'arte della Stregoneria consiste nel costruire il corpo luminoso nell'individuo.

Permettere che le intuizioni generate dall'attività del corpo luminoso giungano alla coscienza armonizzando la ragione razionale e l'intuizione per poter abitare il tempo che viene incontro.

E' il corpo luminoso dell'individuo che progetta il suo abitare il mondo perché intuisce aspetti della realtà che la coscienza razionale ignora.

 

Va all'indice de: Commento agli Inni Orfici

Come si trasforma la percezione della realtà in Stregoneria

La filosofia dei vigliacchi e la filosofia della Stregoneria

Dalla dittatura del sanguinario Platone alla filosofia attuale

Gesù è il male assoluto. Violentare gli uomini in nome del padrone Gesù

Va all'indice de: Gli ingredienti della Stregoneria Pagana

Va all'indice de: La direzione in cui gli Stregoni modificherebbero la Costituzione della Repubblica

Va all'indice de: Passato e futuro della Stregoneria

Va all'indice de: Altri siti internet della Religione Pagana

Va all'indice de: Stregoneria, Orfeo, Platone Buddha

Va all'indice de: Fuoco emotivo e trasformazioni

Va all'indice de: Riflessioni della Stregoneria

Va all'indice de: Stregoneria, il male e la libertà

Sito di Claudio Simeoni

Marghera, 01 giugno 2015

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

 

Ultima modifica 12 febbraio 2021

Questo sito non usa cookie. Questo sito non traccia i visitatori. Questo sito non chiede dati personali. Questo sito non tratta denaro.