Libero arbitrio, anima e Uno nelle Enneadi di Plotino

La stregoneria le Enneadi di Plotino

di Claudio Simeoni

Torna all'indice

 

Le Enneadi di Plotino rappresentano una visione complessa dell'ultimo pensiero Neoplatonico. Una resistenza creazionista all'avanzare del pensiero cristiano. L'ultima resistenza della filosofia platonica all'assolutismo cristiano.

Le Enneadi di Plotino rappresentano anche un'opportunità di uscita dal cristianesimo dopo che Ficino, tradotti i testi dal greco, dà forza al rinascimento Italiano introducendo l'idea della trasformazione dell'uomo in un mondo in cui l'Uno opera in tutta la sua immanenza.

In una fase storica, le Enneadi rappresentano un'arma contro le antiche religioni che apre le porte al cristianesimo, in una fase storica sucessiva rappresentano un'arma delle Antiche Religioni per scalzare l'assolutismo cristiano.

Commentare alcuni aspetti delle Enneadi di Plotino significa recuperare molti significati delle antiche religioni prima che l'assolutismo platonico, col suo demiurgo, distruggesse l'idea di un mondo in cui gli Dèi erano gli stessi oggetti che componevano il mondo.

 

 

Perché un atto è volontario?

Tradução para o português Ideologia neoplatônica: por quê um ato é involuntário.

A chi appartiene veramente il libero arbitrio?

Tradução para o português A quem pertence seguramente o livre-arbítrio.

Il libero arbitrio appartiene a colui che sa.

Tradução para o português Ideologia neoplatônica: o Livre-Arbítrio pertence a quem discerne.

Nel mondo intelleggibile essere e attività sono la stessa cosa.

Tradução para o português No mundo inteligível ser e atividade são a mesma coisa.

Il libro arbitrio appartiene anche all'anima?

Soltanto l'immateriale è libertà.

L'intelligenza è libera; l'anima può farsi libera

L'Uno non ha alcun rapporto con le cose

L'Uno è soltanto perfetta potenza

La relazione anima e corpo in Plotino.

 

Il Neoplatonismo sta a Platone allo stesso modo in cui Platone sta al cristianesimo.

Cristianesimo e neoplatonismo sono elaborazioni legate alla stessa scuola di pensiero. La differenza è che mentre il neoplatonismo ha elevato la superstizione per renderla dotta, il cristianesimo ha usato il platonismo per legittimare l'uso religioso della superstizione.

Legittimare la superstizione permette non solo di renderla immediatamente fruibile anche senza cultura, ma libera la superstizione dalla necessità di giustificare sé stessa davanti alla cultura.

Rende la superstizione facilmente fruibile dalla massa e per questo motivo il cristianesimo fu avvantaggiato rispetto al neoplatonismo che, rendendo la cultura superstiziosa, la allontanava dalle masse.

Un neoplatonico non avrebbe macellato le persone dicendo "dio è con noi", i cristiani macellano le persone perché nel macellare le persone fanno la gloria di dio.

Quando la società da analfabeta inizia a studiare filosofia, ecco che la superstizione in sé non basta più e i cristiani si riappropriano del neoplatonismo per giustificare la loro superstizione.

 

Marghera, 09 giugno 2012

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell’Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

La Stregoneria

La Stregoneria è arte dell'adattamento soggettivo dell'individuo della Natura alle variabili oggettive che incontra. Per questo, le variabili oggettive, intese come idee apriori della vita, sono un argomento fondamentale nella Stregoneria praticata da un individuo nella costruzione della Religione Pagana.