Destutt De Tracy (1754-1836)

Ideologi

Riflessioni sulle sue idee.

di Claudio Simeoni

Cod. ISBN 9788891185778 per chi vuole ordinare il libro

Indice Teoria della Filosofia Aperta

La filosofia della Religione Pagana.

Scrive il Bignami di filosofia (ed.1984):

1) La filosofia non è altro che "ideologia", cioè il complesso di idee necessarie agli uomini.

2) Parlare pensare e ragionare significa "farsi delle idee vere, esprimerle con esattezza e combinarle con proprietà; senza le quali tre condizioni non si ragiona che a caso".

3) Le attività del pensiero (percezione, memoria, giudizio, volontà, movimento) si devono ricondurre tutte alla sensibilità in generale.

La filosofia è un complesso di idee necessarie agli uomini per costruire un indirizzo nella società in cui vivono.

Destutt era un nobile francese che durante la rivoluzione francese si schierò con il terzo Stato per l'abolizione dei privilegi feudali. Fu imprigionato durante la Rivoluzione Francese e si oppose a Napoleone del quale chiese la destituzione nel 1814.

Era amico di Jefferson e, all'interno del progetto di costruzione della miseri asociale attraverso la trasformazione del cittadino in uomo-merce, propose l'eliminazione della schiavitù.

Destutt è uno dei principali esponenti degli ideologi che, nel progetto liberale dell'uomo-merce, elabora, nell'ambito dell'ideologia creazionista cristiana il tentativo di conchiudere la morale mediante "le scienze esatte". Per Destutt la morale, come la politica e l'economia, non erano manifestazioni dell'uomo, ma erano enti oggettivi che andavano analizzati indipendentemente dall'uomo. Le scienze esatte per misurare le idee della politica, della morale e dell'economia da cui dedurre le sensazioni dell'uomo. Agire sulle sensazioni dell'uomo onde produrre le idee volute in morale, politica ed economia. Non catene di ferro per ridurre gli uomini in schiavitù, ma regolare le sensazioni che gli uomini ricevono per regolare le loro idee in campo morale, politico ed economico.

L'impossibilità da parte degli ideologi di portare a termine il loro sanguinario progetto, da un lato saranno indicati a disprezzo sia da Napoleone che in ambito filosofico, ma, dall'altro lato, solleciteranno il potere per costruire sistemi di comunicazione mediante i quali controllare le masse. La propaganda e l'uso delle immagini per ottenere dalle masse le reazioni volute, saranno uno dei problemi che il Comando Sociale si porrà. E sarà risolto brillantemente. Prima della prima guerra mondiale gli Stati Uniti erano un paese la cui opinione di massa era orientata alla neutralità. In meno di sei mesi la propaganda modificò l'orientamento delle masse facendole diventare attivamente interventiste.

La propaganda gioca sulla sensibilità delle persone. Chi possiede mezzi di propaganda credibili può manipolare la percezione delle masse e il loro orientamento.

Destutt De Tracy pone le basi per un nuovo tipo di controllo delle masse all'interno della strategia liberale di trasformazione dei cittadini in uomini-merce. I filosofi hanno ignorato questi lavori finendo spesso per consegnare le masse che volevano liberare alle strutture di propaganda anziché analizzare questi filosofi, gli studi sociologici in corso sul controllo delle masse, e fornire alle masse strumenti critici di autodifesa.

vai indice del sito

Nel 1995 (mese più, mese meno) mi sono posto questa domanda: se io dovessi confrontarmi con i filosofi e il pensiero degli ultimi secoli, quali obiezioni e quali argomenti porterei? Parlare dei filosofi degli ultimi secoli, significa prendere una mole di materiale immenso. Allora ho pensato: "Potrei prendere la sintesi delle loro principali idee, per come hanno argomentato e argomentare su come io mi porrei davanti a quelle idee." Presi il Bignami di filosofia per licei classici, il terzo volume, e mi passai filosofo per filosofo e idea per idea. Non è certo un lavoro accademico né ha pretese di confutazione filosofica, però mi ha permesso di sciacquare molte idee generate dalla percezione alterata nel fiume del pensiero umano.

Vai all'indice della Filosofia Aperta

Marghera, 22 agosto 2012

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

La Teoria della Filosofia Aperta

Le idee si presentano alla ragione come dei lampi intuitivi. Illuminano per un attimo la ragione e poi tendono a sparire annullate da una ragione che tende a riprendere il controllo sull'individuo. Le idee sono un'emozione che insorge con violenza dentro di noi e modifica la nostra descrizione del mondo, una descrizione che la ragione tende a ripristinare ma che l'emozione ha definitivamente compromesso. Una nuova descrizione, una nuova filosofia emerge dentro di noi e noi, qualunque sia il nostro grado di cultura, dobbiamo comunque confrontarla con la cultura del mondo in cui viviamo.