Déjà vu, il già visto e vissuto
nei legami empatici col mondo.

Sedicesima parte

Claudio Simeoni

Questo è un capitolo del libro: "La formazione della percezione e la qualità dei fenomeni percepiti"

Il libro si può ordinare all'editore Youcanprint

Oppure, fra gli altri anche su:

Mondadori

Feltrinelli

Ibs

Cod. ISBN 9788891185822

Percezione e Stregoneria - Sedicesima parte
Déjà vu, il già visto e vissuto.

La ricerca scientifica ci dice: c'è qualcos'altro nell'individuo oltre la forma e la ragione.

Troppo spesso si è assistito ad individui che manifestavano un Déjà vu cioè quella sensazione di essere già stati in quel luogo o di aver già vissuto quella situazione. E' accaduto tanto spesso che la scienza ha dovuto prendere atto che esiste un "mistero" a cui non riesce a dare delle risposte.

Anche questa è una capacità extrasensoriale fondamentale per la nostra esistenza. Non si tratta di vivere un momento già vissuto, ma di vivere un momento la cui situazione è stata percepita (e magari visualizzata) in anticipo: questa, e tutte quelle che avrebbero potuto essere e non sono state, che noi cancelliamo perché abbiamo scelto?

Vi ricordate quando, parlando della corteccia cingolata, si è detto:

"Ma ora abbiamo scoperto che la corteccia cingolata può imparare a riconoscere quando si commette un errore anche prima che venga presa una decisione."

Cosa significa quel "anche prima che venga presa una decisione?". Come abbiamo coinvolto le nostre emozioni per rivivere un momento in cui veniva riconosciuto che le scelte che avremmo fatto sarebbero state sbagliate, parziali o altro?

La scienza, per verificare i processi attraverso i quali il déjà vu si esprime, deve riuscire a trovare degli individui che hanno sistematicamente queste sensazioni. Quasi sempre si presentano individui in cui queste sensazioni si sono presentate ripetutamente, ma non in maniera sufficiente per studiarne i percorsi neuronali.

E qui iniziamo ad entrare nelle difficoltà della scienza. Chi manifesta tali sensazioni, con una sistematicità tale da poterle usare, in realtà, non le percepisce a livello conscio. Queste sensazioni fluiscono nelle sue decisioni e nelle sue azioni. Pertanto, non vive la sensazioni di "aver già vissuto quella situazione", ma quella di aver agito in quanto percepito più possibilità di situazioni. Non c'è più lo stupore soggettivo dell'eccezionalità. Diventano sensazioni di uso quotidiano di cui l'individuo si serve scaricando la propria energia emotiva prima di trovarsi nella situazione che lo emoziona scoprendo di aver già vissuto quella situazione. Agire prima, significa non mettere davanti alle proprie emozioni un argine sul quale le emozioni infrangono e bloccano su quella situazione l'attenzione dell'individuo facendogli sorgere il déjà vu.

Il déjà vu è una sensazione che, bloccando attraverso l'attenzione i flussi emotivi dell'individuo, gli crea un sussulto fra ciò che è e ciò che avrebbe potuto essere. L'individuo ricorda il proprio stato emotivo già analizzato e vissuto.

Per ora la scienza sta facendo alcune ipotesi di lavoro sul Déjà vu:

Scrive il giornale La Repubblica del 26 febbraio 2006

"Déjà vu, quel mistero della mente

Articolo di Elena Dusi

Uno psicologo di Leeds studia il cervello di chi ne viene colpito in modo cronico. Un problema che da secoli arrovella religione e medicina

Ora la scienza vuole capire perché "conosciamo" luoghi mai visti

Roma A cavallo fra realtà ed immaginazione. E' oggetto di arrovellamento per psicologia e neurologia, ma nemmeno la religione è rimasta estranea. Semplice segnale elettrico finito fuoripista per i più, finestra dell'anima sulle sue precedenti incarnazioni per alcuni. Il déjà vu è uno dei fenomeni più sfuggenti della nostra mente, ma per dare un contorno ala sua impalpabilità, uno psicologo inglese si è messo a cercare particolari individui che ne sono colpiti in maniera cronica. Il proposito di Chris Moulin, dell'università inglese di Leeds, è portare queste persone in laboratorio e osservare il loro cervello nel momento in cui corteccia temporale, corteccia limbica e amigdala danno il via al balletto di segnali elettrici anomali. I perché cui Moulin vuole dare una risposta riguardano la natura del Déjà vu secondo i criteri della neurologia e quali sono i fattori scatenanti dal punto psicologico. In Italia si prepara nel frattempo ad uscire a marzo per Il Mulino "Sono già stato qui" uno studio del filosofo e psicanalista Remo Bedei.

Secondo i pochi dati scientifici disponibili, una persona su tre ha sperimentato la sensazione di dèjà vu una volta nella vita, per un tempo che varia da uno e alcune manciate di secondi. "Esistono particolari forme di epilessia spiega Carlo Caltagirone, professore di neurologia all'università di Tor Vergata e direttore scientifico della fondazione Santa Lucia di Roma che non si manifestano con la perdita di coscienza e convulsioni, ma con una serie ricorrenti di dèjà vu. Il paziente si ritrova all'interno di una serie di esperienze che hanno uno scarto con la realtà, come all'interno di una galleria di specchi". Se il percorso del segnale elettrico anomalo è conosciuto con sufficiente precisione (l'amigdala dà il via, lo stimolo echeggia attraverso la corteccia limbica per finire nella corteccia temporale), è mistero sul rapporto fra il dèjà vu e lo stato psicologico di chi lo vive. "La sfida - la spiegato Moulin in una conferenza stampa è penetrare il significato di questo fenomeno. Studiandolo, speriamo di svelare il segreto del rapporto fra memoria e coscienza". La molteplicità delle aree del cervello che sono coinvolte, secondo Caltagirone, spiega la sensazione di realismo che si presenta durante un dèjà vu: "I sensi ci descrivono la scena che stiamo vivendo come già nota. Il coinvolgimento dell'amigdala e del sistema limbico spiega l'intensa partecipazione affettiva e il senso di familiarità". Anche se Moulin e i suoi collaboratori hanno tentato di indurre dei dèjà vu nei loro volontari tramite l'ipnosi o presentando alcune parole come ami per pescare i ricordi, queste procedure non si sono rivelate come efficaci. "Rievocare un ricordo stimolando il cervello è fattibile" spiega Caltagirone "Ma non creare dal nulla un dèjà vu. Durante alcuni interventi di neurochirurgia, nei quali i pazienti sono tenuti svegli perché il cervello non sente dolore, ci siamo accorti che toccare alcune aree faceva riaffiorare alcuni ricordi. Le persone, nonostante si trovassero sotto i ferri, descrivevano questa sensazione come molto affascinante.

L'osservazione scientifica ha constatato, ad esempio:

""Esistono particolari forme di epilessia spiega Carlo Caltagirone, professore di neurologia all'università di Tor Vergata e direttore scientifico della fondazione Santa Lucia di Roma che non si manifestano con la perdita di coscienza e convulsioni, ma con una serie ricorrenti di dèjà vu. Il paziente si ritrova all'interno di una serie di esperienze che hanno uno scarto con la realtà, come all'interno di una galleria di specchi"."

In pratica delle forme epilettiche si manifestano con una serie ricorrente di déjà vu.

Una realtà analizzata in modi diversi e i modi diversi che si sovrappongono in un processo di dissociazione della descrizione della ragione a cui si sovrappongono altre e diverse analisi della medesima realtà. Un già vissuto mediante dissociazioni percettive di un reale che può essere vissuto e interpretato in molti modi, con varie personalità, con letture diverse dei fenomeni che lo rappresentano.

Quando la neurologia ha verificato che:

"L'epilessia primaria o funzionale. In tutte le sue forme di manifestazione è attribuita ad un'ipereccitabilità dei neuroni cerebrali."

In sostanza ha constatato che le connessioni neuronali subiscono delle variazioni organizzandosi in maniera diversa e comunicando alla coscienza elementi inusuali. Carichi di energia emotiva e tensioni soggettive si ripercuotono sulla struttura della percezione soggettiva che viene violentemente alterata, dissociata, aprendosi a modi di percepire diversi. Da qui le esperienze del "paziente" che è coinvolto, con tutti i sensi, in situazioni che avvengono nella sua mente come elaborazione di esperienze percepite e non sempre riconosciute dalla sua ragione. Elaborazione della percezione soggettiva che si scatena, in alcuni individui, fino a giungere alla coscienza quando la ragione perde il controllo dell'individuo stesso.

Se in una situazione di epilessia la scienza si trova a dover riscontrare delle manifestazioni, non sono queste manifestazioni che interessano alla scienza. Queste manifestazioni, all'interno di una patologia epilettica, possono confermare delle attitudini o delle potenzialità per i singoli individui, ma le manifestazioni all'interno della patologia vengono annoverate fra i sintomi della malattia stessa. Il problema, per la scienza, è che forme di Déjà vu si manifestano al di fuori della patologia epilettica, con una certa frequenza, dimostrando che la patologia accentua la potenzialità di un fenomeno che noi abbiamo, ma il fenomeno non è sintomo della malattia.

Quali sono i limiti della ricerca scientifica all'interno della definizione del fenomeno Déjà vu?

"Se il percorso del segnale elettrico anomalo è conosciuto con sufficiente precisione (l'amigdala dà il via, lo stimolo echeggia attraverso la corteccia limbica per finire nella corteccia temporale), è mistero sul rapporto fra il dèjà vu e lo stato psicologico di chi lo vive."

Sembra che il percorso del segnale elettrico all'interno del cervello sia stato individuato. Ciò che sfugge è "che cosa riempie quel segnale elettrico", la struttura psichica della conoscenza di cui è portatore e la percezione che di tale segnale ha la coscienza dell'individuo.

Il fatto che l'amigdala sia coinvolta nel percorso del segnale sta a dimostrare il grande carico emotivo di cui il segnale è portatore. Le emozioni sono l'elemento base della vita e della comunicazione fra il soggetto e il mondo che lo circonda. E solo soggettivando il mondo che lo circonda, le sue emozioni, il soggetto può esprimere un'emozione fra ciò che sta vivendo ora e le aspettative di come quell'ora sarebbe stato vissuto.

Alla scienza interessa:

"La sfida - la spiegato Moulin in una conferenza stampa è penetrare il significato di questo fenomeno. Studiandolo, speriamo di svelare il segreto del rapporto fra memoria e coscienza".

Penetrare il significato del fenomeno e, in particolare, svelare il rapporto fra "memoria e coscienza". Se la scienza prende questa strada sbatterà il naso contro un muro. Non si tratta di una memoria diversa che si esprime nell'individuo, ma di una percezione diversa dei fenomeni del mondo che si basa sul loro carico emotivo e sulle relazioni emotive che intercorrono fra loro che portano alla formazione, nella coscienza quando il Déjà vu si esprime, dell'individuazione della situazione che si sta vivendo come selezione di tutte le situazioni che si avrebbero potuto vivere.

Quando il carico emotivo si dispiega nella situazione che viviamo ricordiamo che, forse, abbiamo messo in atto delle azioni per giungere là. Non una memoria, ma una conoscenza dovuta alla percezione di una struttura del mondo che esula dalla descrizione della ragione e che agisce attraverso relazioni emotive anziché relazioni fenomenologiche descritte. Non si ha "memoria delle relazioni emozionali" queste ci sono, proseguono mentre i soggetti si modificano, mantengono le relazioni che costruiscono fintanto che i soggetti si modificano nelle relazioni e poi si staccano, si dimenticano e ogni soggetto aggancia le proprie capacità emotive ad altri mondi, altri lidi. Ciò che l'individuo conserva è la modificazione di sé stesso. Una modificazione che conserva la memoria della relazione, ma non ricorda la relazione stessa. Salvo mantenere una certa sensibilità nei confronti di emozioni che a lui si presentano dal mondo. E, quando si presentano, il carico emotivo aumenta sollecitando il segnale che dall'amigdala tende ad arrivare alla coscienza: non sempre gli riesce.

Alla fin fine possiamo trarre una conclusione.

Che cos'è un Déjà vu?

E' un'elaborazione delle relazioni fra noi e il mondo attraverso le relazioni emotive che intercorrono fra noi e il mondo. Tale elaborazione, che avviene mediante la parte più profonda e antica del cervello, non viene sempre accolta dalla ragione. Ma in casi particolari di eccessivo carico emotivo, o di patologie che permettono a carichi emotivi di giungere alla coscienza, tale elaborazione si presenta e noi la riconosciamo come attinente alla situazione che stiamo vivendo e che abbiamo elaborato attraverso la percezione delle relazioni emotive degli oggetti con i quali stiamo vivendo la situazione.

In sostanza, il Déjà vu altro non sarebbe che la sovrapposizione di due descrizioni del mondo, quella emotiva che si sovrappone alla situazione descritta che si sta vivendo. Il modo migliore per un individuo di non riconoscere la presenza di un Déjà vu è quando utilizza le proprie emozioni come elemento normale con cui descrivere il mondo in cui vive, interiorizzare gli oggetti del mondo attraverso le loro emozioni, comunicare le proprie emozioni nel mondo. In questo modo la ragione non ferma il flusso alla coscienza del carico emotivo che la percezione delle emozioni produce nell'individuo, ma lo fa fluire come parte integrante della sua esistenza, del suo modo di affrontare il mondo.

Si tratta di una delle più potenti capacità extrasensoriali in quanto il soggetto, che pratica l'uso delle proprie emozioni nell'interazione fra sé e il mondo, è capace di cogliere aspetti assolutamente sconosciuti per altri individui: vede ciò che altri non vedono; è attento a ciò a cui altri sono distratti! Può analizzare il mondo nei suoi aspetti emotivi prima che in quelli razionali.

L'individuo, dal punto di vista della percezione, è composto da molte elaborazioni dissociate che vengono separate dall'elaborazione razionale, ma che possono essere funzionali a questa precedendo le decisioni e fungendo da preveggenza negli effetti che si stanno per produrre per effetto delle sue scelte.

Pagina scritta dicembre 2006

Presentate ogni giovedì in Radio Gamma5 dal giorno 07 dicembre 2006 (questa febbraio 2007, presenti in prima stesura sul sito federazionepagana.it).

Revisionata 25 gennaio 2015

Indice di "la formazione della percezione e la qualità dei fenomeni percepiti"

 

 

 

 

Home Page

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Foto scattate alla Biennale di Venezia

La percezione

La percezione è il modo con cui selezioniamo e facciamo nostri i fenomeni provenienti dal mondo. La percezione cresce e si modifica nell'individuo in base alle sue scelte in relazione alle sollecitazioni che riceve dal mondo. Sia da parte della Natura che da parte della società. Come la percezione dei fenomeni del mondo può essere ridotta, rispetto ad un ipotetico modello desunto dalla media sociale, così può essere ampliata in quantità e qualità anche se i limiti rimangono quelli del divenuto della specie umana. Mentre il cristianesimo riduce la percezione dell'uomo alla parola con cui il suo dio padrone ha "creato" il mondo, la Stregoneria tende ad ampliare la percezione rendendola uno strumento attivo nella pratica dell'abitare il mondo da parte dell'uomo.