Percepire gli Esseri di sola energia vitale
e incontrare gli Dèi

Risposta a unE-mail di Teresa

Prima e-mail

di Claudio Simeoni

Introduzione alla Stregoneria

Inizio a rispondere a quanto mi chiedi il giorno 05.02.2001 alle ore 19.20.

Perché ti dico questo? Perché per rispondere alla tua domanda ho dovuto rispondere ad una domanda che mi sono posto: Come posso fare a portare Teresa ad incontrare gli DEI? Perché questo è esattamente quello che desidera! La risposta l'ho trovata, ma per ora non te la darò! Però voglio dirti qualche cosa sugli spiriti e sulle presente con cui "parli". Al di là del fatto che non conosco il tuo mezzo per comunicare con loro, ti posso però parlare di loro. Intanto non sono DEI (o meglio non sono ciò che tu intendi per DEI), sono "Esseri di sola Energia Vitale".

Cosa significa questo? Significa che la loro Coscienza si è formata in seguito a compressioni violente dell'energia vitale quale conseguenza di maremoti, terremoti, uragani, tempeste, eruzioni vulcaniche o quant'altro. Diventano coscienti separando la loro coscienza dall'Energia Vitale inconscia che, in realtà, permea l'intero universo. Riconoscono la loro consapevolezza, ma non hanno conoscenza! Il loro campo di energia è infinitamente più piccolo di un qualsiasi Essere della Natura, ma lo usano in modo assolutamente diverso.

Questi Esseri tendono ad espandere sé stessi, come ogni altro Essere. Per farlo hanno bisogno di imparare. Loro imparano dagli Esseri della Natura e spesso dagli Esseri Umani. All'inizio si muovono come larve cieche e senza una meta precisa, poi, a mano a mano che acquisiscono conoscenza si muovono elaborando piani strategici con cui ampliare sé stessi. Di cosa si nutrono? Si nutrono dell'Energia Vitale che viene dispersa dagli Esseri della Natura.

Ogni volta che, ad esempio, un Essere Umano fa un'azione come la fatica del lavoro, la soddisfazione del mangiare, il fare all'amore, lo studiare ecc. emette nel circostante una piccola frazione di Energia Vitale il cui sapore è leggermente diverso. Nella sua azione, l'Essere Umano (come ogni altro Essere della Natura) assorbe Energia Vitale. E' sempre un cedere e un accumulare. Ebbene, questi Esseri di Sola Energia Vitale si nutrono dell'Energia che gli Esseri della Natura disperdono e sviluppano le loro predilezioni. Si avvicinano agli Esseri che prediligono e sollecitano le azioni che più sono conformi al loro appetito. A mano a mano che crescono le loro strategie diventano sempre più sofisticate finché alla fine restano due qualità di Esseri di sola Energia Vitale: quelli che si nutrono di consapevolezza e quelli che si nutrono di Energia Vitale stagnata.

Quelli che si nutrono di Energia Vitale Stagnata si curano solo degli Esseri Umani. A loro interessa favorire tutte le situazioni che costringono gli Esseri Umani in ginocchio. Esseri Umani che rinunciano ad affrontare la vita e che si mettono a pregare e a sperare nell'avvento di un qualche protettore. Si avvicinano agli Esseri Umani disperati e ne alimentano la disperazione, la paura e le fobie. Sono i migliori alleati dei cristiani (veramente sono loro che hanno costruito il cristianesimo), dei musulmani, degli ebrei e dei buddisti.

Gli Esseri di sola Energia Vitale che si nutrono di consapevolezza sono dei "pazzi", o se preferisci dei "Burloni". Il loro scopo è imparare, non nutrirsi! Quando trovano un Essere Umano che comunica con loro fanno in modo che si trovi in situazioni di vita folli o strane e poi stanno a guardare che cosa si inventa!

Con questi ultimi c'è il vantaggio che aiutino l'Essere Umano (e più in generale l'Essere della Natura) a sviluppare la propria consapevolezza e alimentare il proprio Potere di Essere. Loro vanno matti dal godimento nel vedere le tecniche che l'Essere della Natura utilizza per risolvere la situazione da loro stessi provocata.

Il loro campo di energia è molto piccolo, direi infimo rispetto al più piccolo Essere della Natura. E' l'Essere Umano che se lo rappresenta grande, perché è stato educato a pensarlo in quel modo (e loro sfruttano questo). In realtà basta un atto di volontà dell'Essere della Natura perché si allontanino colpiti violentemente. L'Essere Umano ha imparato a difendersi da un serpente velenoso usando, magari un bastone, ma non ha mai imparato a difendersi da Esseri di sola Energia Vitale in quanto li ritiene qualche cosa di sovrannaturale. Sono talmente astuti da divertirsi alle spalle di intere generazioni di Maghi che li hanno scambiati per santi, angeli o demoni!

Gli DEI sono un'altra cosa, sono la forgia dalla quale tu sei nata (e veramente anche loro). Noi siamo un insieme particolare di frammenti di DEI e per riconoscere gli DEI attorno a noi dobbiamo chiamare quel DIO dentro di noi.

Questo però è un altro discorso.

Prima devi risolvere la questione con gli Esseri di Energia con cui "parli", se quanto mi dici corrisponde al vero, ti hanno teso una bella trappola. Ad alcuni che seguono quello che faccio la trappola l'hanno trovata nel sognare.

Dove sta la trappola che ti hanno teso?

Quali sono i tuoi punti deboli?

Chi e come ti può ingannare?

Cosa desideri con tutto il cuore e non hai?

Con questo tipo di domande gli Esseri di sola Energia Vitale costruiscono le loro trappole. Gli Esseri di Energia Vitale Stagnata per nutrirsi della sottomissione che provocano in te e gli Esseri di sola Energia Vitale della conoscenza che ricavano dalla tua azione nel risolvere i casini che loro ti procurano.

Ciao

Claudio

Marghera, 05 febbraio 2001

 

Vai alla seconda e-mail

Pagina tradotta in lingua Portoghese

Tradução para o português Perceber os Seres de Energia Vital única e encontrar os Deuses

 

Torna all'indice generico

 

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

La Stregoneria

Quando iniziai il mio percorso di stregoneria, furono molti gli interessi che hanno attratto la mia attenzione. Come tutti iniziai dall'analisi dell'esoterismo, dello spiritismo, dell'astrologia, delle varie forme di divinazione. Ho analizzato un mondo che ho progressivamente svelato e ciò che scoprivo, lo comunicavo.